Elio Carletti
L’Uomo nuovo e l’Amore nuovo

Titolo L’Uomo nuovo e l’Amore nuovo
Autore Elio Carletti
Genere Saggistica - Psicoanalisi      
Pubblicata il 28/01/2016
Visite 1959
Editore Liberodiscrivere
Collana Spazioautori  N.  3616
ISBN 9788899137786
Pagine 420
Prezzo Libro 22,00 € PayPal

Versione Ebook

ISBN EBook 9788899137823
Prezzo eBook 7,49 €
per acquistare la versione ebook clicca sul widget a sinistra
“Dio non va cercato, perché cercarlo significa ancora separarlo da noi”
“Quando ho smesso di ricercare, e in ciò l’incontro con Silvia fu determinante, l’ascolto ha preso il sopravvento e da questo è gradualmente maturato tutto il successivo processo”
Elio Carletti
Processo che ha dato risposta alle domande che sin da fanciullo egli portava in sé: “Chi sono, dove sto andando, cos’è l’amore? E Dio?”
Risposte che il libro stesso descriverà nelle progressive riflessioni dell’autore che, dopo Dialogo d’Amore e Oltre l’Essere, torna al lettore con questa autobiografia spirituale che è al contempo saggio documentato di una ricerca iniziata da fanciullo, nell’intensità di una visione d’amore cosmico che ha illuminato e sostenuto tutto il percorso futuro, fino all’incontro con il pensiero di Silvia Montefoschi.

Prefazione

Leggendo il libro di Elio Carletti ho avuto l’impressione di ripercorrere le tappe fondamentali, soprattutto quella dalla pubertà all’adolescenza, in cui l’apertura alla totalità dell’universo diviene elemento fondante di ogni ulteriore passaggio e momento trasformativo.

Ho continuato questa lettura come quando ci si rivolge a qualcosa che attraversa l’esistente in tutta l’ampiezza dello sguardo. Aleggia qui, dal primo albore all’ultimo salto evolutivo, la presenza costante della coscienza.

Domande, dubbi dell’adolescenza che esigono risposte assolute, in grado di placare l’inquietudine che muove ogni autentica ricerca della verità.

Da questo punto in poi il libro si legge d’un fiato, come se la realtà riemergesse in forma nuova e i vissuti di allora che ci facevano sentire diversi, esclusi da una comune appartenenza, ritrovassero tutto l’ardore che li animava.

Chi si accosterà a quest’opera di Elio Carletti, opera di grande respiro esistenziale e culturale, rivivrà ciò che ha animato la sua ricerca e vi ritroverà le tracce della sua stessa storia.

Questo libro che ripercorre la nascita dell’Universo e della Coscienza dal Big Bang nel lungo percorso evolutivo, dall’energia della materia all’uomo, allo spirito a Dio… è anche l’autobiografia spirituale dell’autore, in senso ampio, comprendente cioè le emozioni, gli interrogativi che soprattutto nell’adolescenza ciascuno si è posto, spesso senza trovare risposta, abbandonando talvolta quel periodo vitale e restando sospeso in un limbo senza più domande. Tuttavia all’interno di ciascuno qualcosa dell’antico senso e spirito interrogante, lasciato nell’incompiuto, può tornare a tormentarlo e chiedere le risposte vere, quelle eclissate da una ragione pratica che vorrebbe avere tutto e subito e preferisce lasciar andare le cose e le domande assolute al loro dissolvimento, rimuovendo l’anima profonda che invece guida quei pochi, ostinati ricercatori per i quali la risposta è necessaria, pena il morire del significato stesso della vita. 

Elio Carletti ripercorre qui non soltanto la sua storia, ma quella dell’Universo, nelle letture, visioni, ricerche di grandi pensatori della storia, dalla filosofia indiana, la mistica occidentale, l’ermetismo, la filosofia occidentale da Eraclito all’idealismo tedesco e italiano, l’Alchimia e approdando infine alla Logica Unitaria.

Tutto ciò non soltanto come storia del pensiero, ma come momenti del suo processo trasformativo, nelle implicazioni storiche della sua esperienza personale.

Un rilievo particolare assume la parte III e IV in cui si trattano le due nature del Pensiero Uno e i livelli conoscitivi del Pensiero Uno con riferimento alla Mente Duale e la Via dell’Amore, quale essenza dell’Uno. Altro particolare rilievo è dato alla Storia del Femminile ed al suo significato nell’evolversi della Coscienza Cristica e della Coscienza Giovannea.

Il nuovo svelamento dell’Uno non può restare all’interno del Vecchio Sistema Uomo Maschile e Sistema Uomo Femminile, che sono comunque sistemi conoscitivi superati dal nuovo progetto del Pensiero Uno, che ha già fatto il suo ingresso nella Coscienza dell’Essere Uomo e Donna uniti, l’Uno, nato proprio da questa Coniunctio a livello del Pensiero (Soggetto SuperRiflessivo II).

Soltanto nella lettura e nell’ascolto di ogni parte di quest’opera, il lettore potrà comprendere e unificare in sé la conoscenza sapienziale e l’esperienza personale che l’hanno animata.

Quest’opera è infatti un’ulteriore testimonianza che quando si è nell’ascolto dell’Essere in noi si diviene sincronici al dirsi dell’Essere in quel punto-momento, sia nelle esperienze quotidiane sia nei grandi risvegli della coscienza.

Capitolo I - La ricerca giovanile 

“Tutti gli uomini tendono per natura al sapere”. Aristotele - Metafisica Il Messaggio

L’esperienza di cui ora parlerò, avvenne all’età di circa dodici anni.

Esperienza che segnò profondamente tutta la mia esistenza futura.

Mi trovavo in montagna a Valdiporro, sui monti Lessini, vicino a Verona, ove trascorrevo le vacanze estive. 

La mia famiglia possedeva una casa e là, insieme ai miei fratelli, si passava tutta l’estate. Era settembre. I villeggianti erano quasi tutti ritornati in città, mentre noi rimanevamo sino alla riapertura delle scuole.

I monti Lessini, in quel periodo, riprendevano la loro profonda quiete, mentre la Natura si rivestiva di un meraviglioso abito, color rosso - arancio.

Era il mese in cui maturavano le nocciole che poi mio fratello raccoglieva e, su quella tavola di marmo che avevamo in cucina, caramellava, ottenendo gustosissimi croccanti.

Come tutte le sere, verso l’ora del tramonto, stavo ritornando a casa dalle mie scorribande nei boschi, quando avvenne uno strano evento.

Che cosa accadde?

Accadde che in quel silenzio e in quei colori, fui invaso da un profondo senso di unità e più precisamente:

«Il cosmo intero si dava in me e ogni forma la sentivo legata alle altre, come una trama continua di un arazzo infinito.

La pienezza e l’unità erano in me totali, mentre in quell’esperienza la percezione di me stesso era di sparizione totale. Il mio piccolo io non c’era più. Ero solo una presenza al cospetto del Tutto e in quello stato percepivo che ogni forma, ogni essere, erano solo intensissimo amore. Ma, pur se tutto era congiunto indissolubilmente, ogni forma si differenziava dalle altre.

Ciò che rimaneva immutabile era l’amore che impregnava e avvolgeva l’Unità intera».

“Dio non va cercato, perché cercarlo significa ancora separarlo da noi”
“Quando ho smesso di ricercare, e in ciò l’incontro con Silvia fu determinante, l’ascolto ha preso il sopravvento e da questo è gradualmente maturato tutto il successivo processo”
Elio Carletti
Processo che ha dato risposta alle domande che sin da fanciullo egli portava in sé: “Chi sono, dove sto andando, cos’è l’amore? E Dio?”
Risposte che il libro stesso descriverà nelle progressive riflessioni dell’autore che, dopo Dialogo d’Amore e Oltre l’Essere, torna al lettore con questa autobiografia spirituale che è al contempo saggio documentato di una ricerca iniziata da fanciullo, nell’intensità di una visione d’amore cosmico che ha illuminato e sostenuto tutto il percorso futuro, fino all’incontro con il pensiero di Silvia Montefoschi.

Non ci sono commenti presenti.

Pubblica il tuo commento (minimo 5 - massimo 2.000 caratteri)

Qui devi inserire la tua Login!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password?

Qui devi inserire il tuo nickname!

Qui devi inserire la tua email!

Nascondi Qui devi inserire la tua password!

Hai dimenticato la password? Inserisci il tuo indirizzo email e riceverai i dati di accesso.

Qui devi inserire la tua email!

Ritorna alla login

Chiudi